Attendiamo che l’Onu si pronunci rispetto all’atteggiamento da tenere nei confronti dei Paesi di provenienza degli immigrati. Abbiamo la necessita’, infatti, di intervenire alla radice, scoraggiando le partenze, ma in un quadro di legalita’ internazionale. In merito alle preoccupazioni espresse dalla Libia, credo che un eventuale intervento non potra’ certo prescindere dal consenso preventivo di quel Paese.

Finalmente su iniziativa e pressione dell’Italia il problema immigrazione sta assumendo i contorni europei. Un buon segno per l’Europa se vuole essere un’istituzione protagonista di questo mondo che cambia. Se funzionasse il meccanismo delle quote molto probabilmente l’emergenza non sarebbe cosi’ esplosiva. Certamente il nostro Paese non puo’ piu’ affrontarla da solo. Stando poi ai dati diffusi in queste ore i due terzi degli status di protezione sono stati concessi solo da quattro Stati: Germania, Svezia, Francia e Italia. Questo significa che tutti gli altri Paesi europei, fino a questo momento, non hanno fatto fino in fondo il loro dovere anche rispetto al riconoscimento di status di rifugiato politico.

 


About michelebordo

Presidente della Commissione per le politiche dell'Unione Europea. Deputato del Partito Democratico

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>